FER - Ferrovie Emilia Romagna
Pubblica amministrazione

Affidamento del servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto elettronici per il personale di FER (periodo contrattuale 2021 - 2023)

Oggetto: Affidamento del servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto elettronici per il personale di FER (periodo contrattuale 2021 - 2023)
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di valutazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 720.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 720.000,00
CIG: 8664822550
Stato: Aggiudicata
Centro di costo: U.O Gare
Aggiudicatario : DAY RISTOSERVICE S.P.A. in breve DAY S.P.A.
Data aggiudicazione: 06 luglio 2021 0:00:00
Importo di aggiudicazione comprensivo degli oneri: € 662.400,00
Data pubblicazione: 25 marzo 2021 11:40:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 15 aprile 2021 12:00:00
Data scadenza: 26 aprile 2021 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
Per richiedere informazioni: Eventuali richieste riguardanti la procedura possono essere inoltrate ESCLUSIVAMENTE a mezzo piattaforma entro e non oltre il giorno 15/04/2021 ore 12.00

Eventuali richieste riguardanti la procedura possono essere inoltrate ESCLUSIVAMENTE a mezzo piattaforma entro e non oltre il giorno 15/04/2021 ore 12.00

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
All. 3 – Distribuzione Linee FER-Aree individuate - rev.01 15/04/2021 12:12 Altri Documenti
All. 4 - Metodo di calcolo elemento n. 3 SVO - rev.01 15/04/2021 12:12 Altri Documenti
Convocazione seduta del 24.05 17/05/2021 09:35 Altri Documenti
2021.07.06 - Prot. 3335P - COMUNICAZIONE_AGGIUDICAZIONE 06/07/2021 12:18 Altri Documenti
2021.04.27 - Prot. 1975 P - VERBALE I seduta del 26.04.2021 27/04/2021 11:55 Verbali
All. 1 - Sintesi offerte 27/04/2021 11:55 Verbali
2021.04.28 - Prot. 1987P - NOMINA COMMISSIONE OFFERTA TECNICA 28/04/2021 09:37 Verbali
2021.05.24 - Prot.2540p Verbale 2° seduta 26/05/2021 12:28 Verbali
all.1 punteggi e offerta tecnica 26/05/2021 12:28 Verbali
all.2 Giudizi Commissione 26/05/2021 12:29 Verbali
All.3 Calcolo elemento n.3 26/05/2021 12:29 Verbali
2021.06.24 - Prot. 2977P - Convocazione 3 SEDUTA del 24.06.2021 21/06/2021 16:17 Verbali
2021.06.25 - Prot. 3113P - Verbale III seduta pubblica del 24.06.2021 25/06/2021 14:29 Verbali

Elenco chiarimenti

Chiarimento n. 1

Domanda:

CHIARIMENTO N. 01 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

Buongiorno, in riferimento all'. art. 5.5.1 pag. 14 del documento Capitolato d’appalto schema di contratto. Si chiede cortesemente di chiarire quanto previsto nello stesso, in virtù del fatto che, così come chiaramente indicato all’art. 144, comma 6, lettera a), è lo sconto applicato al cliente sul Valore nominale del buono pasto a non poter essere superiore a quello stabilito ed applicato al singolo Esercizio. Inoltre, per ciò che riguarda il secondo periodo dell’ art. 5.5.1 Capitolato d’appalto schema di contratto, si sottolinea che nell’ambito delle campagna di convenzionamento, gli sconti applicati agli esercenti convenzionati dalle società emettitrici, sono i più vari e, pertanto, qualora in sede di gara venga indicata da una società partecipante una determinata commissione, da intendersi fissa ed invariata per tutti gli esercizi offerti, giocoforza, l’aggiudicataria, per far fronte all’impegno assunto, dovrà necessariamente concordare con gli esercenti interessati dal servizio delle commissioni (in base a quanto offerto in sede di gara) che potrebbero, in taluni casi, essere anche superiori a quelle inizialmente sottoscritte tra le parti nel corso degli anni. Pertanto non si comprende la presenza della locuzione “e non superiore a quello già stabilito con il singolo Esercizio nell’ambito di accordi di convenzionamento stipulati antecedentemente alla partecipazione della presente procedura” che, di fatti, non può essere in nessun caso attuabile per le ragioni appena espresse, sempre in ottemperanza al Codice degli Appalti.

Risposta:

CHIARIMENTO N. 01 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

In primis si conferma che quanto previsto al punto 5.5.1 pag. 14 del documento All. 1 - Capitolato d’appaltoSchema di contratto - primo periodo - “ad applicare una Commissione, ai titolari degli Esercizi che accettano i Buoni pasto oggetto del presente appalto, non superiore allo sconto sul Valore nominale del buono pasto offerto in sede gara” è da intendersi in ossequio a quanto previsto dall’art. 144, comma 6, lettera a), DL.gs. 50/2016 e dunque che il ribasso sul valore nominale del buono pasto debba essere in misura comunque non superiore allo sconto incondizionato verso gli esercenti.

 

Quanto al punto 5.5.1 pag. 14 del documento All. 1 - Capitolato d’appaltoSchema di contratto - secondo periodo - “e non superiore a quello già stabilito con il singolo Esercizio nell’ambito di accordi di convenzionamento stipulati antecedentemente alla partecipazione della presente procedura”: la formulazione utilizzata dalla Stazione Appaltante è finalizzata a consentire, strettamente in riferimento agli esercizi già convenzionati (Na) precedentemente alla partecipazione della gara in oggetto, la possibilità per l’Offerente di mantenere le condizioni contrattuali in essere con il singolo Esercizio. Tale eventualità, insindacabilmente esercitabile dall’Offerente, discende dalla volontà di tutelare gli esercizi commerciali per lo più ascrivibili a micro e PMI ed al contempo consentire agli operatori economici una più rapida redazione dell’offerta.

Chiarimento n. 2

Domanda:

CHIARIMENTO N. 02 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

Buongiorno, Si richiede gentilmente di poter avere per ciascuna delle “Aree individuate da FER” l’elenco dei comuni afferenti in quanto nell’Allegato 3 “All. 3 – Distribuzione Linee FER-Aree individuate.-3-–-Distribuzione-Linee-FER-Aree-individuate” non sono distinguibili i Comuni da Frazioni/Località e questo in alcuni casi, come ad esempio “Ferrara 2 – comuni” dove sono presenti Valcesura, Migliaro e Massafiscaglia ma non il comune Fiscaglia, non permette di determinare correttamente il numero di locali disponibili.

Risposta:

CHIARIMENTO N. 02 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

Si è provveduto ad integrare il documento richiamato inserendo i Comuni di appartenenza per ciascun punto di interesse.

La versione aggiornata “All. 3 – Distribuzione Linee FER-Aree individuate - rev.01” è stata pubblicata sulla piattaforma telematica di FER, nella sezione “Pubblicazioni” della pagina dedicata alla documentazione della gara in argomento.

Chiarimento n. 3

Domanda:

CHIARIMENTO N. 03 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

 

3.1. Si chiede di indicare l’ammontare degli eventuali costi di segreteria sostenuti (anche se a carico della ditta aggiudicataria), escluse le spese di bollo e registrazione contratto

 

3.2. Con riferimento alla cauzione provvisoria: - Si chiede di confermare l’importo della cauzione possa essere ridotto, secondo le modalità previste ai sensi dell’art. 93 comma 7 del D.Lgs. 50/2016, oltre che per possesso della certificazione di qualità ISO 9001 anche nel caso di possesso di certificazione ambientale ai sensi della norma UNI ENISO14001

 

3.3. Nell’Allegato 2 Sistema-di-Valutazione-delle-Offerte-SVO, viene richiesta la presentazione dell’elenco degli esercizi commerciali convenzionati/da convenzionare prima dell’avvio del servizio con indicazione per ciascuno di essi di ragione sociale/nome, C.F., P.IVA indirizzo e coordinate geografiche. La richiesta di tale elenco risulta in contrasto con le indicazioni fornite dall’Avcp (ora Autorità Nazionale Anticorruzione “Anac”) nella sua deliberazione n. 92 del 26 ottobre 2011. Tale richiesta risulta oltretutto in contrasto con quanto previsto dall’art. 144 del D.Lgs. 50/2016 comma 7 che cita “Ai fini del possesso della rete di esercizi attraverso cui si espleta il servizio sostitutivo di mensa eventualmente richiesto come criterio di partecipazione o di aggiudicazione è sufficiente l'assunzione, da parte del concorrente, dell'impegno all'attivazione della rete stessa entro un congruo termine dal momento dell'aggiudicazione fissato in sede di bando. La mancata attivazione della rete richiesta entro il termine indicato comporta la decadenza dell'aggiudicazione”. Si chiede pertanto di confermare la possibilità di autocertificare in sede di offerta, in luogo dell’indicazione anagrafica, il mero numero di locali convenzionati o da convenzionare

 

3.4. Con riferimento ai vincoli minimi della Rete degli Esercizi si chiede se, laddove all'interno dell'Area sia presente un DEPOSITO, l’esercizio che deve essere garantito entro 2 km dallo stesso sia ricompreso nei 3 richiesti per ciascuna Area individuata da FER o se sia in aggiunta ai 3 e pertanto in questo caso 4 esercizi totali.

Risposta:

CHIARIMENTO N. 03 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

  1. 3.1 L’aggiudicatario sarà tenuto a rifondere esclusivamente le spese di bollo e registrazione del contratto, oltre che le spese per la pubblicazione del bando/avviso di gara, delle eventuali rettifiche e dell’avviso di aggiudicazione ai sensi dell’art. 5 comma 2 del 02/12/2016 Decreto MIT.

 

  1. 3.2 Si conferma che l’importo della garanzia provvisoria potrà essere diminuito in funzione del/i requisito/i posseduti dall’operatore economico, conformemente a quanto stabilito dall’art. 93 c. 7 del D. Lgs n. 50/2016. È ammessa dunque la riduzione, oltre che per possesso della certificazione di qualità ISO 9001, anche nel caso di possesso di certificazione ambientale UNI ENISO 14001, purché determinata nel rispetto delle modalità previste da predetta norma: le riduzioni discendenti dal possesso di entrambe le certificazioni UNI EN ISO9001:2015 e UNI EN ISO 14001 possono essere dunque cumulate.

 

  1. 3.3 Si conferma la richiesta così come già formulata per l’elemento di valutazione n. 3 del Sistema di Valutazione delle Offerte di:

- compilare la "Tabella rif. SVO Elemento n. 3", dichiarando per ogni Area individuata da FER:

- il numero (Na) di esercizi già convenzionati PRECEDENTEMENTE alla partecipazione alla gara;

- il numero (Nb) di ulteriori esercizi (rispetto ad Na) che si intende convenzionare;

- allegare l'elenco di dettaglio degli esercizi distinguendo i convenzionati (Na) da quelli di previsto convenzionamento (Nb) per ogni Area individuata da FER con indicazione, per ciascun esercizio, di Ragione Sociale, C.F e P. IVA, indirizzo, coordinate geografiche.

 

La citata deliberazione n. 92 del 26 ottobre 2011 di ANAC, a parere della scrivente S.A. si fonda su presupposti che discostano da quanto richiesto dalla presente procedura: la richiesta di FER è difatti orientata a garantire la capillarità del servizio con una distribuzione minima assicurata lungo le tratte di sviluppo delle linee ferroviarie in gestione e non necessariamente una elevata concentrazione di esercizi disponibili entro limiti territoriali stringenti come nel caso su cui si è espressa ANAC in cui si richiedeva di «avere minimo 32 convenzioni già stipulate o da stipulare con esercizi ubicati entro il raggio di 1 Km pedonale dalla sede di lavoro».

 

Inoltre, posto che l’elemento n. 3 del Sistema di Valutazione delle Offerte è da valutarsi mediante criterio quantitativo numerico, dunque non discrezionale, basato sul numero di esercizi convenzionati e da convenzionare dichiarati dall’operatore economico, appare chiaro che la richiesta di indicare «Ragione Sociale, C.F., P.IVA indirizzo, coordinate geografiche» non è finalizzata a valutazioni in merito ai requisiti soggettivi dell’offerente, né tantomeno a valutare l’offerta tecnica presentata. Gli ulteriori dati richiesti, che come detto non influenzano il calcolo del punteggio, consentono tuttavia di saggiare la sostenibilità dell’offerta presentata, fugando possibili formulazioni di impegno avulse alle necessità rappresentate dalla Stazione Appaltante e con ciò tutelando il principio di parità di trattamento degli Offerenti. Infatti la richiesta è volta esclusivamente ad osservare la distribuzione geografica dei possibili esercizi convenzionati/da convenzionare rispetto ai vincoli territoriali indicati da FER, senza che ciò influisca sulla determinazione del punteggio relativo all’elemento. Valutato inoltre che ai fini della dichiarazione del numero di convenzioni il concorrente debba indubbiamente disporre degli esercizi nei loro elementi anagrafici principali (dunque Ragione Sociale, C.F., P.IVA indirizzo, coordinate geografiche) si ritiene che la richiesta di allegare tali dati a corredo dell’Offerta non costituisca un aggravio degli oneri di formulazione della stessa, trattandosi di dati già noti all’operatore economico. I tempi previsti per la presentazione delle offerte sono per di più ritenuti congrui e sufficienti all’elaborazione di quanto richiesto, tenuto conto che nell’ambito di vigenza del D.L. 76/20, la Stazione Appaltante abbia facoltà di operare con ampio margine di deroga nell’esperimento di procedure sottosoglia e che per la gara in argomento abbia optato per una procedura aperta alla più ampia partecipazione.

 

Infine, quanto previsto dall’art. 144 del D.Lgs. 50/2016 comma 7, trova regolare applicazione nella presente procedura nelle modalità espresse al punto 5.5.1 dell’All. 1 – Capitolato d’appalto Schema di contratto.

 

 

  1. 3.4 Si conferma che, laddove all'interno dell'Area sia presente un DEPOSITO, l’esercizio che deve essere garantito entro 2 km dallo stesso sia da intendersi RICOMPRESO nei 3 richiesti per ciascuna Area individuata da FER E NON in aggiunta ai 3.

Chiarimento n. 4

Domanda:

CHIARIMENTO N. 04 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

Si chiede cortesemente conferma che tutta la documentazione presentata dall'offerente per la partecipazione alla gara, debba essere sottoscritta solo digitalmente (Cades .p7m) dal legale rappresentante o da procuratore, come richiesto a pag. 3 del Bando di Gara, e non anche con timbro e firma olografa su ogni pagina come indicato nei fac simili di dichiarazioni messi a disposizione dal Vs spettabile ente.

Risposta:

CHIARIMENTO N. 04 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

La documentazione dovrà essere presentata nelle modalità indicate dal bando di gara al punto Tempi e modalità di presentazione delle offerte, dunque sottoscritta digitalmente in ogni sua parte.

Si rammenta che i moduli NON COSTITUISCONO documentazione di gara e vengono forniti a titolo esemplificativo, consentendo al concorrente la possibilità di adattarli secondo le esigenze, purché contengano sostanzialmente tutti i contenuti richiesti. Non è da ritenersi dunque prescrittiva l’indicazione, riportata dai moduli forniti, di apposizione di ulteriori tipologie di firma e di riconoscimento, quali timbro e firma olografa.

Chiarimento n. 5

Domanda:

CHIARIMENTO N. 05 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

5.1) Si chiede di confermare, ai fini della presentazione della Cauzione Provvisoria che l’importo della stessa, ai sensi dell’art. 93, comma 7, del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i., potrà essere ridotto del 50 per cento in caso di possesso della Certificazione UNI EN ISO9001:2015, e di un ulteriore 20 per cento in caso anche di possesso della Certificazioni UNI EN ISO 14001. Pertanto, l’importo della stessa sarà così calcolato: € 14.400,00 (2% importo appalto) - € 7.200,00 (50% per possesso ISO 9001) - € 1.440,00 (20% possesso ISO 14001) = € 5.760,00 (importo garantito);

 

5.2) Si chiede conferma che anche per la fideiussione definitiva possano essere applicate le riduzioni di cui sopra (50%+20%)

 

5.3) Si chiede di confermare che la cauzione provvisoria e la cauzione definitiva possano essere emesse sotto forma di documento informatico firmato digitalmente in P7M.

Risposta:

CHIARIMENTO N. 05 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

  1. 5.1Si conferma che l’importo della garanzia provvisoria potrà essere diminuito in funzione del/i requisito/i posseduti dall’operatore economico, conformemente a quanto stabilito dall’art. 93 c. 7 del D. Lgs n. 50/2016. Le riduzioni discendenti dal possesso di entrambe le certificazioni UNI EN ISO9001:2015 e UNI EN ISO 14001 possono essere cumulate come da esempio proposto.

 

  1. 5.2Ai sensi dell’art. 103 c. 1 ultimo periodo, si conferma che alla garanzia definitiva «si applicano le riduzioni previste dall'articolo 93, comma 7, per la garanzia provvisoria». È dunque prevista l’applicazione di predetta norma alla presente procedura.

 

  1. 5.3 Si conferma che la cauzione provvisoria e la cauzione definitiva possano essere emesse sotto forma di documento informatico firmato digitalmente in P7M dall’assicuratore. In riferimento alla garanzia provvisoria, resta ferma la richiesta di presentazione del documento sottoscritto digitalmente ai fini della partecipazione, come da risposta al Quesito n. 04.

Chiarimento n. 6

Domanda:

CHIARIMENTO N. 06 DEL 15/04/2021

 

Quesito:

 

Buongiorno si segnala che nell'Allegato 4 "Metodo di calcolo elemento n. 3 SVO" alla riga n. 23 colonna I manca la relativa formula.e la somma tra colonna G e H risulterebbe 8 e non 14 esercizi

Risposta:

CHIARIMENTO N. 06 DEL 15/04/2021

 

Risposta:

 

Trattasi di refuso. Si è provveduto a rettificare il file richiamato, che si ricorda non essere parte della documentazione di gara bensì pubblicato esclusivamente a fini esemplificativi.

La versione aggiornata “All. 4 - Metodo di calcolo elemento n. 3 SVO – rev.01” è stata pubblicata sulla piattaforma telematica di FER, nella sezione “Pubblicazioni” della pagina dedicata alla documentazione della gara in argomento.